____________________

 

_____________________

I MONTI  AURUNCI

 

                La natura             La flora            La fauna           il paesaggio         l'uomo           escursioni                

                                                                                                   

 

         

                 

                                                                         

                                                            

 

                                                               

     La Natura

 

 I confini con gli Ausoni sono convenzionali,affidati alla SS 82 della valle del Liri, che da Pico (FR) dopo aver sfiorato la valle di Campodimele termina ad Itri (LT), sulla via Appia. Le stesse Campodimele ed Itri appartengono per metà territorio ad Ausoni ed Aurunci. Dal punto di vista geologico non c'è diversità con le altre due minicatene essendo costituite da una gran massa di carbonati. Le cime maggiori da Ovest ad Est:Monte Faggeto (1256 m), Revole (1285 m), Trina (1062 m), Orso (1023 m), Ruazzo (1314 m), Redentore (1252 m), S.Angelo (1402 m), Altino (1362 m), Forte (1321 m) e il Petrella (1535 m) tetto della catena. In un breve spazio si raccolgono altezze medie di discreto valore, caretterizzate generalmente da pendii scoscesi (precipiti anche per 600 metri)   sul versante marino e più attenuati su quello interno. A partire dalla Vallecola in cui è isediata Itri si distacca la formazione dei  colli Cecubi, che hanno legato il loro nome alla produzione dell'omonimo, forte e generoso vino. La caratteristica più notevole dei  Aurunci  è la presenza di una vegetazione ricca e varia, composta dalle specie tipicamente mediterranee accanto a quelle appenniniche. I  versanti occidentali, che si affacciano sul mare ospitano le specie che prediligono le temperature più alte, mentre i versanti orientali, risentendo delle correnti d'aria più fredda che provengono dalle montagne dell'Appennino , sono caratterizzati da specie adattate a temperature più basse. Si incontrano perciò da un lato fitti boschi di leccio e sottoboschi formati da cespugli di ginestra e rillirea , mentre  all'interno  faggi, cerri, olmi, lecci e carpini con ambienti particolarmente umidi e freddi.

 

 

 indietro

 

 

 

 

La Flora

 

Si è detto delle pendici marittime generalmente degradate e oramai patria degli stammeti, tuttavia l'area degli alti Aurunci viene considerata tra i più interessanti ambienti vegetazionali del Lazio, punto di transazione tra l'area appenninica centrale e quella meridionale. Gli  aspetti più vistosi sono rappresentati dalla sughereta di Costamezza, dai lecceti di monte Ruazzo e Campone e  dalle faggete di monte Petrella.Proprio questo monte che è il più alto del sistema, preceduto e difeso dalle sue sentinelle,il S.Angelo e il Redentore, che lo preservano dai venti marini presenta vegetazione notevole. Le ampie praterie di Salvia e la faggeta in via di espansione, accompagnate soprattutto dal Carpino nero,  Acero di monte, Biancospino a cui si aggiungono quasi inattesi diversi fiori.I monti Aurunci, è risaputo, sono il paradiso dei botanici con molte specie di orchidee, alcune rare, e molte erbe officiali che oggi sono usate per pozioni e decotti. Già nelle basse quote si segnalano in abbondanza piante di Mirto, Lentisco e Ginestra che in piena fioritura ricopre i versanti delle montagne di un giallo intenso. Laddove la vegetazione diventa più rara si  inserisce l’onnipresente Ampelodesmos mauritanicus, localmente conosciuto come ”stramma” o tagliamani; una pianta usatissima nel passato per la realizzazione di stuoie ,scope, borse, cesti e vari contenitori per uso domestico.

 

indietro

 

 

 

 

 

 

 

 

La Fauna

 

 

In un territorio così vario anche la fauna presenta alcune specie di notevole importanza nonostante la caccia, tuttora praticata   con scarsi controlli.Le vaste foreste ospitano diverse specie animali.Tra i  mammiferi  più  comuni e diffusi, il cinghiale, la donnola, la volpe, la faina, il riccio e il tasso. Non è raro vedere volteggiare maestoso il falco Pellegrino che da sempre nidifica sulle rocce più inaccessibili, il falco comune,  la poiana, il gheppio, e l'astore, che dopo periodi di assenza, stanno tornando in zona. Anche i rapaci notturni come il gufo reale, il barbagianni, l'allocco e la civetta sono presenti con una popolazione consistente. Così come sugli Ausoni anche sui monti Aurunci vivono con il colombaccio, il piccione selvatico, la ghiandaia marina, il culbianco, la coturnice, la starna, la gazza e il corvo grigio. In prossimità della vetta Ruazzo vivono il falco Pecchiaiolo e la Poiana, sulle altitudini del Redentore, il Nibbio e il Gheppio

                                                                                 indietro

 

 

 

 

 

 

Il Paesaggio

 

 

 

I Monti Aurunci  costituiscono il settore meridionale della catena dei Volsci  orientati parallelamente alla catena appenninica, si ergono a ridosso della fascia costiera laziale, delimitati ad Ovest dal golfo di Gaeta, cui fanno da splendita cornice con il gruppo del monte Petrella, a sud dalla fertile piana del Garigliano a nord dalla valle del Liri e ad est dal fiume Garigliano. I monti Aurunci sono costituiti prevalentemente da calcari dolomitici e da dolomie depostisi sulla piattaforma carbonatica che per un lungo periodo di tempo, dal Giurassico al Paleocene  si estendeva dal Lazio all'Abruzzo, simile a quelle attualmente visibili nei mari tropicali

indietro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’uomo

 

 

 

I Aurunci, che per la loro conformazione non presentano seri ostacoli alla penetrazione umana, mostrano ovunque elementi caratteristici della civiltà agricola e pastorale che si è perpetuata per alcuni millenni. Le testimonianze più antiche dello sfruttamento  del suolo risalgono  età repubblicana; si tratta di terrazzamenti  realizzati con pietra calcarea. Elemento appariscente lungo i versanti rivolti a meridione sono gli oliveti che con il loro colorito grigio-argenteo e le loro geometrie reqolari contrastano con la verdeggiante lecceta. Lungo i versanti scoscesi è visibile la diffusa sistemazione a gradoni realizzata con muri a secco, che recupera terreni altrimenti inadatti alla coltivazione.A questi elementi, cristallizzati nel paesaggio, se ne sono aggiunti dei nuovi, prodotti dalla moderne forme di organizzazione umana.Così la recente pratica dell'allevamento semi brado, con i! suo carattere di rapina, ha portato alla degradazione dei pascoli montani. 

indietro

 

 

 

 

 

 

 

 

Escursioni

 

Avvertenze e indicazioni

Un’escursione è sempre piacevole ma alle volte si ha bisogno di tante piccole cose che possono rendere la nostra uscita più sicura, occorre sempre ricordare che in un’escursione è ipotizzabile dover affrontare delle emergenze e avere l’attrezzatura adeguata consente di togliersi d’impaccio in situazioni a volte difficili, per questo è consigliabile che nello zaino trovino posto una serie d’accessori che si riveleranno molto utili al momento del bisogno.

a) Il periodo:

per apprezzare meglio i paesaggi di questi monti, si consiglia di percorrere i sentieri nel periodo primaverile e autunnale. D'estate, a causa delle basse quote in cui si snodano i sentieri e della forte insolazione, è preferibile evitare escursioni sul Versante Sud, mentre d'inverno si suggerisce di farle in presenza di neve, che rende sicuramente più suggestivo l'ambiente montano. Percorrendo gli itinerari nei periodi sconsigliati si rischia di non apprezzare appieno le bellezze naturali di questi luoghi. Si raccomanda vivamente di astenersi dal proseguire in caso di avverse condizioni atmosferiche soprattutto per quei sentieri ove l'orientamento risulta problematico.

b) L'equipaggiamento:

un sentiero può attraversare numerosi ambienti e ovviamente la natura del terreno è estremamente variabile, così è sicuramente necessario un buon paio di scarponi; anzi meglio due, uno per l'inverno e adatto per la marcia sulla neve e uno per le altre stagioni, oltre a due paia di calzettoni adatti. Per quanto riguarda l'abbigliamento è bene essere attrezzati secondo la stagione: e indispensabile avere nello zaino un indumento idoneo per ripararsi in caso di pioggia e una giacca a vento da indossare nell'eventualità di trovarsi in presenza di forte vento in quota. Un berretto per il sole e un copricapo di lana per il freddo insieme a un paio di guanti sono sicuramente utili. Si consiglia di non mettere troppe cose nello zaino, per evitare di rendere la marcia troppo faticosa.

c) L'alimentazione:

portare sempre almeno un litro d'acqua e alimenti con un buon grado di digeribilità e soprattutto ricchi di carboidrati (in particolare farinacei e frutta) che danno un apporto calorico notevole. In caso di forte sudorazione sì può ricorrere a reintegratori di vitamine e sali minerali ma è bene non affidarsi solo a questi mezzi o dare sempre la precedenza a prodotti naturali come la frutta fresca e secca. Non bisogna eccedere nei cibi poiché in montagna occorre essere sempre in buona forma fisica. Evitare gli alcolici o almeno assumere moderatamente solo verso la fine dell'escursione. Per i sentieri più impegnativi e consigliabile fare piccoli spuntini ogni due ore circa e non un unico pasto a metà della giornata.

d) Attrezzatura:

alcuni strumenti, come la bussola, l'altimetro, la carta topografica, una torcia elettrica, una corda, una mantella, dei fiammiferi e la borraccia  sono senz'altro utili soprattutto por coloro che iniziano a fare escursioni in montagna. Altri sono consigliabili come un binocolo di modeste dimensioni tipo 8x30 o 8x40 e una macchina fotografica con un obiettivo standard e un grandangolare. Anche un coltello mille usi può essere utile. Tutto il materiale deve avere un giusto posizionamento all'interno dello zaino. In linea di massima sul fondo quello più pesante o che potrebbe servire, nelle tasche gli oggetti più piccoli o che servono temporaneamente.
Nelle parti esterne dello zaino, velocemente accessibile, trova posizione quello che potrebbe servire rapidamente come mantella antipioggia, cappello, coltello, acqua.

e) La natura:

 si raccomanda di porre  particolare attenzione nell'avvicinarsi alle grotte, data la loro pericolosità; è meglio quindi non avventurarsi al loro interno se non in presenza d’esperti speleologi. È assolutamente vietato raccogliere piante soprattutto se protette (agrifoglio, orchidee ecc.), molestare gli animali o gettare rifiuti: i rifiuti conservateli, invece, nello zaino e portateveli a valle. I luoghi che si raggiungono attraverso questi sentieri sono il più delle volte selvaggi, la natura è ancora incontaminata e i paesaggi sono tra i più belli e interessanti del Lazio. Abbiamo il dovere di mantenerli così come li troviamo e, pertanto

 

Quando percorri un sentiero

fai in modo che chi viene dopo di te

non si accorga del tuo passaggio

 

Inoltre gli animali sono intorno a noi, ma non si fanno vedere, e le piante non fuggono via ma

 

Se percorri un sentiero

in silenzio

e con molta attenzione

puoi vedere ciò che gli altri non vedono

indietro