PRESENTAZIONE

 

 

         Vorrei dedicare questo mio componimento in dialetto ciociaro al Maresciallo Simone Cola e agli altri  caduti di Nassirya

        a causa della Pace, (il tema che qui trattiamo, me lo consente).

 

         E’ un breve scritto (un sonetto) dal sapore satirico, è vero, che potrebbe quindi sembrare non troppo idoneo per la

        circostanza, ma che contiene tuttavia nel suo epilogo una battuta improntata all’ottimismo e all’unità di intenti.

 

         D’altronde, la mia satira non è sul valore (cioè la Pace), ma sul modo come viene gestito dagli uomini tale valore;

        e poi, non è forse vero che l’umorismo è una forma di sapienza?

 

 

         GENNAIO 2005 MESE DEDICATO DAL PAPA ALLA PACE

       Nel contesto di tale dedica le associazioni culturali di Ceccano

       proclamano il 26 Gennaio “giorno della memoria e dell’impegno”

       nel 61° anniversario della distruzione del Santuario di Santa Maria a Fiume.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                  

         Mentre scrivo la televisione

       diffonde la notizia della morte del

       Mar.llo Simone Cola,

       barbaramente ucciso durante l’espletamento

       della sua missione di Pace a Nassirya.

       A Lui, agli altri Martiri che

       si sono sacrificati in terra Irachena,

       alle loro Famiglie, dedico

       questo mio componimento.

 

 

   BANDIERU PU LA PACI                     

      

 

                       'Na piéna du purzonu a pàssu lèntu,

            ca gli-occhi, 'nci la fa mancu a  vudélla;                            

            strisciùni, i a mostra 'na parola bèlla,   

            LA PACI va putènnu chésta gèntu!       

 

                                                                                                                                      

                 PACI ferìta, sènza più 'na scélla!…                                          

             'Na tàrla mu s’affìssa pro alla méntu:

             “su pàrtu dagli còru 'nternaméntu

             stu sintiméntu, oppùru è pèlla pèlla?”

 

 

                 I pènzu ancora, sènza fà la crìtica:   

             “sta pàci, 'nsarà troppa culuràta

              si-àgni Partìtu è 'na bandiéra azzàta?”

 

 

                Gli véntu prò, 'nsa gnèntu du pulìtica,

              zoffia, lu smòu i sènza distinzionu,

              lu svènta pu la stéssa direzionu.

 

 

 

 

                   Angelo De Santis

 

 

                                                                             indietro