Collelungo

           

                                    L’ECCIDIO DI COLLELUNGO del 28.12.1943

                                   

                                                  NATALE DI GUERRA

Non s’ode il dolce suon per la montagna,

in questa settimana natalizia,

ma il crepitar di armi, non zampogna,

non gioia, c’è dolore, c’è mestizia.

                                                                                       Si trema di paura c’è la fame,

                                                                                       nella radura zeppa di pietrame,

                                                                                       tra neve e gelo e mille patimenti,

                                                                                       si aspetta la fine degli eventi.

Salgono lungo il rio gli aguzzini,

li scambia per amici la vedetta,

escono dai rifugi donne e bambini,

ignari della sorte che li aspetta.

                                                                                      Chiedono pane i poveri sfollati,

                                                                                      nella speranza di essere sfamati,

                                                                                      ma con spintoni vengono addossati,

                                                                                     sul lato del ruscello massacrati.

Angelina Di Mascio inginocchiata,

chiede pietà per la sua Addolorata,

riceve in faccia un calcio dal sergente,

che uccide madre e figlia freddamente.

                                                                                     Accumunati dalla stessa sorte,

                                                                                     quarantadue trovano la morte,

                                                                                     e Rio Chiaro lungo qualche miglio,

                                                                                     diventa per il sangue rosso vermiglio.

Nella memoria rimarranno a lungo,

i morti di quel giorno a Collelungo,

vittime innocenti della guerra,

chiedono pace per tutti sulla terra.

 

                                                                                                          Bartom

 

I versi furono scritti da Tommaso Bartoli in occasione di  una escursione a Collelungo con il GAM