Frosinone, Novembre 2001

  a Salvatore Tiberia

Amic d' cor'

 

Tiengu n'amic

de nom' Salvatore

ma, pe tutt' s' chiama Totore.

 

E' n' ome doce, sincer' i garbat',

sicurament' tant' educat'.

 

E' chigl' che più

ci rappresenta pe' nui

amici della montagna.

 

Quand' cacdun' s' trova in difficoltà

iss' è alloc' sempre pront' ad aiutà.

 

Gl'  incuraggia, gl' spona, gl' aspetta

fine a quand' nen gl' ved' arrivà alla vetta.

 

S' imbiccia, s' mbegna, s' nteressa

pè nen' c' fa mancà mai,

la dumenica sta festa.

 

Comm' m' auand, i sò cuntient

d' avè conosciut' st'ome coì galant'!

 

Amic' mie,

nen sai che gioia me dai,

te dic' grazie, pè tutt' chell' che fai.

 

Riman' sempre a cusì,

nen' t' imborghesì.

 

C' agl' munn' avem' tant bisogn'

de gent' comm' a tì.

 

 Gerardo Grande

indietro