Marcia della pace

Perugia-Assisi 14 ottobre 2001

 

Un evento storico è stato, 

che pure io mi vanto d'aver partecipato. 

Siem' partit' con gli pulman 

a bonora na deman', 

per retruarce tutt'a ponte cagnan'. 

Alla partenza siem' in tant', 

part' subbto annanze 

Fiorella a fa la lepre 

se cì  abbìa appresse Pio 

cu'  ne baldacchine a saccuo in goglie 

i na bandiera gialla tra cape e coglie 

i dopp mane man tutti gl' atre, 

con mi alla fine a fa da tapparete. 

Alle ì seme ite bene 

pure perchè ogni tant' 

ce fermarime a magnà i beve. 

Fatta la visita agli santuarie, 

siem subbito ripartite. 

Al solito Fiorella come na saetta 

schizza via atterra per gli pendie 

repurtennese appresse 

Maria, Mimma, Mimmo, ippure Pio. 

Io Duilio i tutta la compagnia

ce siemo fiunnate arrete

decisi arracchiappà la fuggitiva.

Ma le sambe de stà Fiorella

so troppe longhe,

per poterce compete.

Au subbito affiacchite

la resistenza delle cianghe mei.

Così per farla corta

chissii sò sparite,

che nui a tarda sera,per riacchiappargli

seme dovute arrivà sino a Monte Castrigli.

Moral della faola:

Ma chesta! E' stata la marcia della pace

o, na corza longa de na guera.

 

Gerardo Grande

indietro