ER CAMPAMILE DE SAN GIOVANNI

 

Me ricordo er campanile de san Giovanni

da quanno ciavevo circa sei anni.

 

Oggi come allora, l’orologio sona ogni quarto d’ora

i   rintocchi metteno sull’attenti: operai, massaie, contadini  e studenti.

 

Er din don dan festoso o lento

ce segnala ogni avvenimento.

 

La campana sona, cor sole o cor temporale

pe’ le feste, spesso per quarche….        funerale.

 

Er sono da lassù ce fa da sentinella,

ce dice se la notizia è triste o bella.

 

Non tutti avverteno ‘sti messaggi

che nun richiedono la capacità dei saggi.

 

Pe’ un periodo la campana sonava solo ogni ora

e nun sonava più i quarti d’ora.

 

Arzanno l’occhi ho notato addirittura:

che er campanile era inbragato co’ l’imparcatura.

 

Pure lui cià quarche problemino dopo tant’ anni

se sa, cor tempo che passa se avvertono i malanni.

 

Dopo un po’ pure i quarti d’ora hanno risonato

forse quarche bon cardioloco l’ha curato.

 

Li rintocchi sua, mo se ridiffondono nell’aria co’ armonia

quanno la campana sona pe’ le messe, i funerali e pe’ l’Ave Maria.

 

Pure nei momenti della triste guerra

la campana ce faceva da sentinella.

 

Quell’anni furono pe’ noi d’angoscia e turbamento,

fino a quanno er sono a distesa della campana segnò la fine der bombordamento.

 

Ar campanile e alla campana i nostri onori e ringraziamento

chissà se pure a loro un giorno je verrà arzato un monumento?!

 

La campana del 1839 è esposta nella cattedrale de san Giovanni

passerà alla storia e la ricorderanno pe’ tanti tanti anni!

 

Marisa Del Vescovo

10/12/2008

indietro