NUN SE PO' ACCONTENTÀ TUTTI

 

I rami der giardino l'hanno tutti tajati

e sti pori uccelletti sò rimasti sfrattati!

Se questi potessero parlà

direbbero: "e mò ndo' annamo a pernottà?!?

Sto lavoro è stato detto fatto in un momento

pe' evità a ste piante er soffocamento.

Pe' rispettà er verde e la natura

artri esseri n'hanno subbìto la sventura.

Sto monno me fa pensà

a chi è contento e a chi se sta a lagnà.

Mentre na cosa se costruisce

ce n'è subbito n'artra che fallisce.

Te credi d'avé aggiustato le cose

e ne scopri subbito artre difettose.

Spero che er lettore che legge sta' poesia

nun la pij pe pessimismo è solo 'na costatazione mia

La conclusione è questa in fonno in fonno

che la felicità nun' è mai completa a sto' monno.

 

Marisa Del Vescovo

26/06/1995

indietro