Gli amici della montagna

 

 

      Gente semplice e alla bona

       l’amicizia è la padrona.

      Tutte atlete i pimpante

       cuglie affanne

       uanne annante.

       Chi se tegne glie capiglie

       ‘mpressiunà pure glie griglie,

       aglie amici un po ‘grassotte

        iate annante i ua

        aspette quande è notte.

        Grande è la cultura

        a le magnà sta la bravura.

        Chiglie pore Giuannine

        scummarieglie e furchettone,

        la callara glie treppiede,

        fa se grande riunione,

        fettuccine i maccherone,

        cuglie piatte uanne annante,

        fanne onore aglie

        coche tutte quante.

        Se penzame aglie

        munne della guera

        do la pace ne ce affera.

        Purtaria tutte quante

        afrecane, americane,

        rusce, gialle, italiane,

        facce fa na scarpinata 

        ‘ncima alla montagna

        le ginocchia scurtecate,

        i calà ‘nzieme aglie sole

        pe truà i ‘amicizia

        urmai scurdata.

        Sa gente senza core

        che combatte senza unore.

        Do ‘sta chella bandiera

        de tutte le nazione

        appicicate a ne sole bastone.

 

                                                  BRUNO PASTORELLI

 

                                                                                            indietro