Mariteme

 

       Miese rimbambite

         ‘ndocce surdacchione,

          quande uò cantà

          ne se recorda

          nisciuna canzone.

          Se se spoglia

          tè du cose mosce

          che ce toccane pe tera.

          Me fa: Anì o Anì,

          come stonghe?

          Ce diche, pè faglie cuntiente,

          che siè bieglie

 me simbre ne lione.

 Isse, tutte ‘nfucate

 se ficca aglie liette

          i m’accarezza.

          Fermate ce facce,

 te ditte glie duttore

nisciuna muzione.

Gli core è debole,

s’arizza la pressione.

 M’assera me sente

          come na uota.

          Addormete Antò

 prima che glie truve

    Passa tutta la nuttata.

      le so cuntenta lu stesse

      Me basta glie recorde

      della uita che è passata.

           Antò, Antò gli lione

           sole a penzà a sta fatecata

           dorme i russa cu

           la uocca spalancata.

                                         BRUNO PASTORELLI

                                                                        indietro